Identikit del CVP d’Italia

6mila sono le startup innovative iscritte al registro delle imprese. 40mila è il numero di chi ha investito su di loro per fare open innovation, cioè, come dice Federico Zacaglioni, responsabile delle relazioni esterne & sviluppo della ‘fabbrica delle fabbriche’ Italeaf  (www.italeaf.com):«Creare iniziative industriali innovative nei comparti a più elevato tasso di crescita su scala. E per questo cerchiamo startupper che siano davvero pronti a fare gli imprenditori».

Sono i numeri dell’analisi del Primo Osservatorio Open Innovation e Corporate Venture Capital a cura di Assolombarda, Italia Startup e SMAU.
Sono le informazioni riportare da Il Sole 24 Ore in un recente approfondimento dal titolo: “Startup: ecco l’identikit del corporate venture italiano”*

IDENTIKIT IN SINTESI:

  • il 16% delle società che investono direttamente in startup innovative è nel capitale di almeno un’altra startup;
  • la maggior parte delle imprese che investono in startup innovative sono large corporate, quindi con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro (2.858),
  • seguono le medie imprese (301) e poi le piccole (93).
  • Secondo i dati dell’Osservatorio, poi, il corporate venture capital viene utilizzato per la ricerca e sviluppo e per la trasformazione digitale.

LA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA
venture-capital-distirbuzione-geografica

L’articolo riporta la mappa d’Italia con la distribuzione geografica del venture capital [*LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI: Infodata.ilsole24ore.com]

IN QUESTA OTTICA SI COMPLETA IL TEMA DI ACCELERATIO,

il sistema di hub di innovazione e accelerazione proposto da G2-Startups. Per saperne di più: acceleratio.it

[ssba]